Lo stop ai campionati offre l’opportunità di tracciare i primi bilanci sulla stagione della Virtus Padova.
Con il pezzo odierno andiamo a conoscere più da vicino Giorgia Menin (nella foto), capocannoniere della squadra, che tra campionato e Coppa Italia ha messo a segno la bellezza di 26 reti.
«L’annata era iniziata davvero molto bene – afferma la punta biancazzurra, classe 1994 – Si è formato sin da subito un bel gruppo, unito e consolidato, pronto a disputare un buon campionato. Di certo le dimissioni di mister Russo prima della sosta natalizia hanno scosso un po’ gli equilibri della squadra, che non ha poi affrontato nel migliore dei modi le ultime partite della prima metà di stagione. L’assenza di un allenatore, a mio avviso, si è sentita anche alla ripresa del torneo, nonostante l’ottimo lavoro svolto dall’allenatrice Ivana Riboldi, che dall’oggi al domani si è ritrovata a prendere in mano la situazione e gestire la rosa. Le ragazze hanno certamente risentito dei cambiamenti e questo ha inciso sulle prestazioni, dal punto di vista tecnico e soprattutto mentale. L’arrivo del nuovo mister e le sue competenze hanno sicuramente avuto un effetto positivo, garantendo nuovi stimoli su cui lavorare per recuperare il terreno perduto».
Cosa ti aspetti, ripresa permettendo, dall’ultima parte di stagione?
«Mister Murru, insieme ad Ivana, sta facendo un ottimo lavoro. L’introduzione di un allenamento in più per concentrarsi anche sulla parte atletica è un incentivo in più per la squadra, sia fisico che tecnico-tattico. Resta un po’ di amaro in bocca per non essere riusciti a passare il turno e conquistare la fase élite, ma siamo comunque fiduciose: il gruppo è rimasto coeso e ha reagito bene. Ci sono, di base, delle buone qualità tecniche che ci permettono costantemente di crescere».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *